Distribution Italy

La KEPLER-FONDS KAG è la numero 4 di 21 società di gestione di risparmio collettivo che con oltre 134 fondi gestisce un volume di 17,96 miliardi di Euro.

I seguenti fondi comuni di investimento sono autorizzati al collocamento in Italia: 

 

Informazioni su questi fondi si possono trovare qui.


La società di gestione KEPLER-FONDS KAG ha stabilito per il trattamento dei reclami da parte degli investitori una procedura efficace e trasparente:

Informazioni ai sensi dell’articolo 3 del Regolamento (UE) 2019/2088 (regolamento relativo all’informativa sulla sostenibilità)



Il processo di decisione degli investimenti in relazione alla sostenibilità e ai rischi di sostenibilità (ESG) è così implementato in KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.H. (KEPLER):

Un comitato ESG riunisce le tematiche legate alla sostenibilità/ESG, prepara le motivazioni delle decisioni, svolge una funzione di consulenza per la dirigenza per quanto concerne l’orientamento strategico e operativo di KEPLER in relazione agli aspetti ESG e coordina la realizzazione dei progetti ESG di KEPLER.

 

Per tutti i fondi comuni di KEPLER vale il divieto di investire in prodotti agricoli tramite derivati. Inoltre, per tutti i fondi comuni su singoli titoli gestiti da KEPLER e per il fondo pensionistico KEPLER High Yield Corporate valgono dei criteri di sostenibilità attuati sotto forma di criteri di esclusione. Il disinvestimento nel campo dei combustibili fossili avviene escludendo progressivamente gli investimenti in estrattori di carbone e delle imprese che operano nei settori del fracking ad elevato volume e delle sabbie bituminose (a partire da una determinata soglia di fatturato). Inoltre, si considera anche il criterio di esclusione delle armi controverse.

 

In un gruppo di fondi con esplicito orientamento alla sostenibilità si tiene conto, inoltre, anche di altri criteri di sostenibilità, i quali vengono applicati con un approccio best in class (liste positive) e di un catalogo completo di criteri di esclusione (Sector-Based Screening ovvero i campi di attività controversi, e Norm-Based Screening ovvero pratiche commerciali controverse).

Ai fini di un’applicazione sistematica, KEPLER riceve costantemente da ISS ESG delle informazioni da cui ricavare gli strumenti finanziari su cui investire.

 

I criteri di sostenibilità sono oggetto di costante monitoraggio e possono essere integrati o adeguati in funzione delle nuove conoscenze e dei nuovi sviluppi sul mercato. I dati utilizzati potrebbero essere incompleti, imprecisi o temporaneamente non disponibili.

 

Il rispetto dei criteri di responsabilità indicati è oggetto di continuo monitoraggio all’interno della gestione del rischio sulla base della copertura disponibile. In questo modo si garantisce anche un approccio consapevole ai rischi di sostenibilità. Se richiesto dalla gestione del rischio per rispettare i criteri di sostenibilità, si procede a un disinvestimento.

 

Inoltre, un gruppo di fondi comuni KEPLER sostenibili è così certificato:

  • Logo trasparenza EUROSIF
  • Classificazione ambientale austriaca UZ 49

 

KEPLER partecipa anche ad alcune selezionate iniziative di sostenibilità. Per i dettagli vedere:

Informazioni ai sensi dell’articolo 4 del Regolamento (UE) 2019/2088 (regolamento relativo all’informativa sulla sostenibilità)



Secondo KEPLER i possibili effetti negativi per la sostenibilità sono individuabili nei settori dei combustibili fossili e delle armi controverse e nei prodotti agricoli tramite derivati, pertanto ha stabilito dei criteri di sostenibilità per i fondi comuni di KEPLER intesi a evitare o quantomeno ridurre gli effetti negativi per la sostenibilità dei partecipanti ai mercati finanziari o delle imprese sull’ambiente e sulla società.

 

Sin dal 2014 è previsto che tutti i fondi comuni di KEPLER non investano in prodotti agricoli tramite derivati, in quanto non è stato finora possibile chiarire in modo univoco dal punto di vista scientifico se gli investitori finanziari producano effetti negativi sull’andamento del prezzo e sulle oscillazioni delle materie prime agricole.

 

Inoltre, dal 2020 per tutti i fondi comuni su singoli titoli gestiti da KEPLER e per il fondo pensionistico KEPLER High Yield Corporate valgono dei criteri di sostenibilità, attuati sotto forma di criteri di esclusione.

 

In concreto, il disinvestimento nel campo dei combustibili fossili avviene escludendo progressivamente gli investimenti in produttori ed estrattori di carbone (compreso il carbone termico e metallurgico, a partire da una soglia di fatturato del 20%) e le imprese che operano nei settori del fracking ad elevato volume e delle sabbie bituminose (a partire da una soglia di fatturato del 10%).

 

Ai fini di un’applicazione sistematica, KEPLER riceve costantemente da ISS ESG delle informazioni da cui ricavare gli strumenti finanziari su cui investire. Si configura una violazione dei criteri di esclusione quando sono presenti delle informazioni in merito all’interno della ricerca completa sulla sostenibilità e sugli investimenti controversi condotta dal nostro partner ISS ESG.

 

Con il criterio di esclusione “armi controverse” vengono esclusi gli emittenti di investimenti che in modo dimostrabile sono coinvolti in armi controverse e/o relativi componenti chiave, o equipaggiamenti finalizzati all’utilizzo di armi controverse. Sono considerate le seguenti categorie di armi: mine antiuomo, armi biologiche e chimiche, armi incendiarie, proiettili al fosforo bianco, armi nucleari (all'interno e al di fuori del Trattato di non proliferazione nucleare), munizioni a grappolo, munizioni all'uranio impoverito e blindaggi all'uranio impoverito.

 

A livello di portafoglio, per tutti i fondi di KEPLER sono stati stabiliti inoltre dei criteri minimi ESG sulla base del rating corporate ISS ESG o del rating Paese (o gli score di performance ISS ESG ricavati dai rating che precedono) per limitare, anche a livello di portafoglio, oltre ai rischi di sostenibilità anche gli effetti negativi delle imprese sull’ambiente e sulla società.

 

In un gruppo di fondi con esplicito orientamento alla sostenibilità (KEPLER Ethik Fonds e KEPLER Umwelt Aktienfonds) si tiene conto, inoltre, anche di altri criteri di sostenibilità, i quali vengono applicati con un approccio best in class (liste positive) e di un catalogo completo di criteri di esclusione (Sector-Based Screening ovvero i campi di attività controversi, e Norm-Based Screening ovvero pratiche commerciali controverse).

 

I criteri di sostenibilità e i possibili effetti negativi per la sostenibilità sono oggetto di costante monitoraggio e possono essere integrati o adeguati in funzione delle nuove conoscenze e dei nuovi sviluppi sul mercato.

 

Il rispetto dei criteri di sostenibilità indicati è oggetto di continuo monitoraggio all’interno della gestione del rischio. In questo modo si garantisce anche un approccio consapevole da una parte ai rischi di sostenibilità e dall’altra agli effetti negativi per la sostenibilità. Se richiesto dalla Gestione del rischio per rispettare i criteri di sostenibilità, si procede a un disinvestimento.

 

KEPLER esercita i diritti di voto in modo indipendente ed esclusivamente nel migliore interesse dei titolari delle quote, a partire da una quota superiore all’1% dei diritti di voto di una società (calcolata su tutti i fondi di investimento e i mandati di amministrazione patrimoniale gestiti da KEPLER). Alla luce dell’elevata diversificazione degli investimenti e quindi del modesto ammontare delle partecipazioni nelle singole imprese, e sulla base della strategia di investimento quantitativa, KEPLER non esegue delle ispezioni presso le sedi delle società in cui investe. Non è prevista alcuna collaborazione con altri azionisti o altri portatori di interesse rilevanti delle società in cui investono i fondi. Nel processo di investimento dei fondi KEPLER Ethik, in caso di violazione dei criteri ESG, KEPLER si rivolge direttamente alle società. Inoltre, attualmente si sta lavorando per introdurre un soggetto che voti per delega (“proxy voter”), che si occuperà dell’esercizio dei diritti di voto dei titoli contenuti nei fondi secondo una policy definita da KEPLER. I principi da seguire nelle votazioni sono orientati a tematiche come, ad esempio, la massima trasparenza per gli investitori e la loro uguaglianza di trattamento, e in futuro anche il rispetto dei principi ESG. Per dettagli in merito e per la pubblicazione annuale obbligatoria si rimanda a  https://www.kepler.at/de/service/infocenter/downloads.html

 

 

Codice di condotta aziendale responsabile – Code of Conduct

 

Nell’ambito di un’attenta compliance, KEPLER si è dotata di un Codice di condotta dettagliato all’interno del Manuale di compliance e quindi di linee guida precise vincolanti per tutti i collaboratori e le collaboratrici. Il Codice di condotta (Code of Conduct) definisce i valori fondamentali di KEPLER e costituisce il fondamento di una cultura aziendale orientata ai valori etici. Esso garantisce i massimi standard di condotta aziendale ed etica dell’azienda.

 

Standard riconosciuti a livello internazionale per l’obbligo di diligenza e di rendicontazione:

 

KEPLER ha sottoscritto nel 2014 i principi UN PRI.

 

I “Principi di investimento responsabile delle Nazioni Unite” (UN PRI - UN Principles for Responsible Investment) sono stati definiti con l’obiettivo di sviluppare dei principi per una gestione responsabile dei portafogli. Essi rispecchiano la crescente importanza delle tematiche ambientali, sociali e di governance (sigla internazionale: ESG) per le decisioni di investimento.

 

I principi UN PRI comprendono in particolare sei principi:

  1. KEPLER integrerà le tematiche ESG all’interno dei processi di analisi e di decisione.
  2. KEPLER diventerà un active owner e integrerà le tematiche ESG all’interno delle sue politiche e prassi di possesso dei titoli.
  3. KEPLER presterà attenzione all’opportuna comunicazione degli aspetti ESG da parte delle imprese in cui investe.
  4. KEPLER promuoverà l’accettazione e la realizzazione dei principi nel settore degli investimenti.
  5. Con la collaborazione, KEPLER migliorerà l’efficacia della sua attuazione di questi principi.
  6. KEPLER renderà conto delle sue attività e dei progressi nell’applicazione dei principi.

 

Nel 2017 KEPLER ha sottoscritto il Montreal Carbon Pledge

 

L’accordo Montréal Carbon Pledge è stato concluso il 25 settembre 2014 nella conferenza “PRI in Person”. Questa iniziativa è supportata dai UNPRI (UN Principles for Responsible Investment) e dalla UNEP FI (United Nations Environment Programme Finance Initiative).

Il suo obiettivo è quello di portare una maggiore trasparenza relativamente all’impronta di CO2 soprattutto dei portafogli azionari, con l’obiettivo di contribuire a lungo termine anche a una sua riduzione.
 

Con la firma dell’accordo, gli investitori si impegnano a misurare e pubblicare l’impronta di carbonio di almeno un portafoglio con frequenza annuale.

Avvertenze circa i rischi ed esonero dalle responsabilità

Il presente documento è una comunicazione di marketing, elaborata da KEPLER-FONDS Kapitalanlagegesellschaft m.b.H. (KEPLER-FONDS KAG), 4020 Linz, Austria. La presente comunicazione di marketing non è stata preparata conformemente alle disposizioni giuridiche volte a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun vincolo o divieto in merito a negoziazioni operate successivamente alla diffusione delle informazioni in essa contenute.

La presente comunicazione di marketing non costituisce né una consulenza in materia di investimenti o una raccomandazione all’acquisto o alla vendita, né un’offerta o un invito a presentare un’offerta di acquisto o di vendita di strumenti finanziari o investimenti.

I dati, le analisi e le previsioni ivi contenuti si basano sullo stato dell’arte e sulla valutazione del mercato al momento della stesura, con riserva di eventuali modifiche e integrazioni. KEPLER-FONDS KAG non si assume alcuna responsabilità in merito alla correttezza, all’aggiornamento e alla completezza dei contenuti e all’effettivo verificarsi di quanto pronosticato. I contenuti non sono vincolanti. Lo stesso dicasi per il contenuto di altri siti web a cui si rimanda tramite hyperlink.

Dato che ogni decisione in materia di investimenti deve essere adeguata in modo individuale alle situazioni personali (per esempio propensione al rischio) dell’investitore, la presente nota informativa non sostituisce la consulenza individuale e l’illustrazione dei rischi ad opera di un consulente nel corso di un colloquio di consulenza. Si ricorda espressamente che gli strumenti finanziari e gli investimenti comportano talora rischi notevoli.

I dati relativi alla performance si riferiscono al passato e non costituiscono quindi un indicatore affidabile degli sviluppi futuri. Nel caso di investimenti non in Euro, le oscillazioni valutarie possono ripercuotersi sulla performance con conseguente aumento o riduzione del rendimento.

L’investimento può comportare degli obblighi di natura fiscale, che dipendono dalle condizioni personali dello specifico cliente e possono variare nel tempo. La presente nota informativa non sostituisce quindi la consulenza individuale fornita all’investitore da un consulente fiscale. Il limitato obbligo fiscale vigente in Austria in merito ai soggetti con residenza ai fini fiscali all’estero non implica un’esenzione fiscale nello Stato di residenza.

La performance viene determinato secondo il metodo OeKB, sulla base dei prezzi del fondo pubblicati. Si ricorda espressamente che la composizione del patrimonio del fondo può variare nel rispetto delle disposizioni di legge.

Nell'ambito della strategia di investimento del fondo, si può investire in prevalenza in fondi di investimento, depositi bancari e derivati, oppure mirare alla replica di un indice. I fondi possono essere caratterizzati da notevoli oscillazioni di valore (volatilità). Le disposizioni del fondo approvate dalla FMA possono riportare gli emittenti ponderati nel patrimonio del fondo in misura superiore al 35%. Rendimenti ridotti o addirittura negativi degli strumenti del mercato monetario e/o delle obbligazioni, dovute alle condizioni del mercato, possono incidere negativamente sul valore netto d'inventario del fondo d’investimento e/o non essere sufficienti a coprire le spese correnti.

I prospetti aggiornati (per OICVM) e le Informazioni di base per gli investitori - Documento con le informazioni chiave (KID) sono disponibili gratuitamente in lingua tedesca presso la KEPLER-FONDS KAG, Europaplatz 1a, 4020 Linz o all’indirizzo www.kepler.at.

Gli investitori o i potenziali investitori possono trovare il riepilogo dei loro diritti degli investitori e degli strumenti di applicazione collettiva in tedesco e inglese https://www.kepler.at/de/startseite/beschwerden.html. Si prega di notare che KEPLER-FONDS KAG può disdire in qualsiasi momento la vendita delle sue quote di fondi all'estero.

Per le avvertenze dettagliate relative ai rischi e l’esonero dalle responsabilità, consultare www.kepler.at